Slike stranica
PDF
ePub

Istriano.

22. MARCO AURELIO CRESCENTE pure ADIVT. TABVL adjutor tabularii, coadjutore del ragionato di Augusto abbiamo da altra lapida, egualmente trasportata a Padova in unione della suddetta, ed alla pagina 55 riportata dal Carli.

nnnnnn nnnnnnnnnnnern

[ocr errors]

ARTICOLO III.

MILIZIA.

23. LUCIO

JUCIO SERGIO LEPIDO figlio di Lucio edile e tribuno militare della legione XXIX di Pola. è scritto sopra l'arco dorato dei Sergii in Pola, detto Porta Aurea, fatto erigere al padre da Salvia figlia postuma del suddetto tribuno. Il Carli Ant. Ital. T. I pag. 196 e del tribunato militare e del

"

[ocr errors]

TRIBUNI. 7.

ci dà conto
l'epoca di quell' arco, nè meglio saprei fa-
re, che trascrivere quanto egli ne dice per
comune istruzione.

"

È noto, che a' soli cittadini romani,

«<

e a quelli ancora, che godevano il jus dei

latini era conceduto l'onore d'essere a

[ocr errors]

scritti nelle legioni; e noto ugualmente è,
che al grado di tribuno niuno poteva es-

« sere eletto, senza un merito particolare,

«<e distinto. Nelle legioni, allorchè si accrebbero a sei mila soldati, il numero de' tri

TOMO I.

8

buni arrivò a sei, ed erano eletti con i

<< voti del popolo. In tempo di

i

«

guerra,

<< tribuni si creavano anche dall' ordine se

natorio, e si dicevano laticlavii. Loro uffizio era assegnar le guardie, dar la pa

rola, giudicare dei delitti de' soldati, in

་་

vigilare per gli accampamenti, e disporre

« tutto ciò, che nella marcia, e negli attacchi era ordinato dal comandante. L'anello d'oro, e il più ornato vestito distingue«vano il tribuno; e nella colonna trajana,

"

«< il vestito de' tribuni, eguale si vede a

quello degl' imperadori. La loro autorità

[ocr errors]

"

[ocr errors]
[ocr errors]

« era grande, e il diritto avevano di eleg

« gere i centurioni. Lucio Sergio essendo tribuno della legione xxIx c'indica un tem་ po anteriore alla battaglia d' Azzio dell' "( anno DCCXXIII, e per conseguenza l'edili« tà di suo padre avrà corrisposto ai tempi « di Cesare, a' quali anteriore si sospettò da

"

noi essere stata Pola dedotta in colonia. « Che la legione XXIX esistesse prima di detta battaglia, è dimostrato dal numero delle legioni, che in que' tempi tumultuosi « formavano gli eserciti dei contendenti alla

[ocr errors]

་་

"

gloria di distruggere la
Appiano s'impara, che
bello civil. lib. v.) aveva
quaranta legioni. Ridotto poi

sotto di se

nelle di lui

«< mani tutto l'imperio, egli riformò gli e

serciti, distribuendo fra i soldati dimessi

<< i terreni della città. Nel marmo ancirano (pubblicato da Grutero pag. ccxxx1) si ricava, che il numero di codesti soldati « veterani montò a cento venti mila; e da Svetonio (in Aug. cap. 46) si nota, che

« in Italia furono 'distribuiti in colonie xxvIII

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

"

"

duo de triginta. Quel numero de' soldati indicati dal marmo sopra detto, formava no legioni quindici in dieciotto, le quali dedotte dalle quaranta di prima, devono rimanerne soltanto xxIII, o al più xxv. Infatti sole xxv si veggono distribuite nelle provincie, per quanto da Tacito (Annal. lib. IV. pag. v.) si può rilevare. Dione però assicura (lib. LV. p. 645), che ne rimasero soltanto ventitre, delle quali ai tempi suoi, xIx sole se ne contavano. Se però la legione XXIX non esisteva più dopo

« la battaglia d' Azzio, è ben dimostrato,

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

repubblica, e da Augusto solo (de

[ocr errors]

<«< che molto prima di tale epoca, l'Istria

"

<«< era ammessa agli onori della milizia, e « della cittadinanza romana, come di sopra « si accennò, e che l'arco di cui ora si fa

1

parola, eretto fu nella bella età in cui

«

«< fiorirono tutte le arti, e particolarmente

<< l'architettura. Infatti, il lavoro di esso

« è in gran parte, per ciò che riguarda le proporzioni, eguale a quello di Rimini e<< retto in onore d' Augusto dopo il settimo

«<

suo consolato, e nell'assegnazione dell' ot<< tavo, cioè nell'anno DCCXXVII.

L'epigrafe nel mezzo dell' arco è la

seguente:

L. SERGIVS L. FILIVS

LEPIDVS. AED.

TR. MIL. LEG. XXIX.

Sopra l'architrave dell'arco è scritto:

SALVIA POSTVMA •

e nell'attico:

[ocr errors]
[ocr errors][merged small]

SALVIA

Dei fratelli Sergii duumviri daremo l'epigrafi all'articolo 4 ed ai numeri 32 33.

POSTVMA SERGI.

[ocr errors]
« PrethodnaNastavi »