La divina commedia studiata nella sua genesi e interpretata.Traduzione di Stefano Jacini: pt. 1. La genesi religiosa e filosofica

Naslovnica
G. Laterza & figli, 1927
0 Recenzije
Recenzije se ne potvrđuju, ali Google provjerava ima li lažnog sadržaja i uklanja ga kad ga otkrije
 

Što ljudi govore - Napišite recenziju

Na uobičajenim mjestima nismo pronašli nikakve recenzije.

Odabrane stranice

Uobičajeni izrazi i fraze

Popularni odlomci

Stranica 239 - Sì tosto come in su la soglia fui Di mia seconda etade, e mutai vita, Questi si tolse a me, e diessi altrui. Quando di carne a spirto era salita, E bellezza e virtù cresciuta m'era, Fu...
Stranica 75 - Un uom nasce a la riva de l'Indo, e quivi non è chi ragioni di Cristo né chi legga né chi scriva; e tutti suoi voleri e atti buoni sono, quanto ragione umana vede, sanza peccato in vita o in sermoni. 7i Muore non battezzato e sanza fede: ov' è questa giustizia che '1 condanna? ov' è la colpa sua, se ei non crede?' Or tu chi se', che vuo' sedere a scranna, per giudicar di lungi mille miglia con la veduta corta d'una spanna?
Stranica 77 - Lume non è, se non vien dal sereno, Che non si turba mai, anzi è tenèbra, Od ombra della carne, o suo veneno. Assai t' è mo aperta la latebra , Che t...
Stranica 34 - Faccian le bestie fiesolane strame di lor medesme, e non tocchin la pianta, s'alcuna surge ancora in lor letame, in cui riviva la sementa santa di que...
Stranica 165 - n fronte ti riluce : Vedi 1' erbetta i fiori e gli arboscelli Che quella terra sol da se produce. Mentre che vegnon lieti gli occhi belli Che lagrimando a te venir mi fenno, Seder ti puoi e puoi andar tra elli.
Stranica 76 - Poi cominciò: Colui che volse il sesto Allo stremo del mondo, e dentro ad esso Distinse tanto occulto e manifesto, Non poteo suo valor sì fare impresso In tutto l ' universo, che il suo verbo Non rimanesse in infinito eccesso.
Stranica 121 - Le mura, che soleano esser badia, Fatte sono spelonche, e le cocolle Sacca son piene di farina ria. Ma grave usura tanto non si tolle Centra il piacer di Dio, quanto quel frutto Che fa il cuor de
Stranica 165 - Non aspettar mio dir più nè mio cenno: libero, dritto e sano è tuo arbitrio, e fallo fora non fare a suo senno; per ch'io te sovra te corono e mitrio.
Stranica 93 - Per che, s' ella si piega assai o poco, segue la forza ; e così queste fero, possendo rifuggir nel santo loco. Se fosse stato lor volere intero, come tenne Lorenzo in su la grada, e fece Muzio a la sua man severo, così l' avria ripinte per la strada ond' eran tratte, come fuoro sciolte ; ma così salda voglia è troppo rada.
Stranica 83 - E non si puote alcuno scusare per legame di matrimonio, che in lunga età il tenga, che non torna a religione pur quelli che a San Benedetto ea Sani' Agustino ea San Francesco ea San Domenico si fa d'abito e di vita simile, ma eziandio a buona e vera religione si può tornare in matrimonio stando^ che Iddio non vuole religioso di noi se non il cuore. E però dice San Paolo alli Romani: -. Non quelli rli' è mate nifestamente Giudeo, nè quella ch

Bibliografski podaci