Gli eretici d'Italia, Opseg 1

Naslovnica
Unione Tipografico-Editrice, 1865
0 Recenzije
Recenzije se ne potvrđuju, ali Google provjerava ima li lažnog sadržaja i uklanja ga kad ga otkrije
 

Što ljudi govore - Napišite recenziju

Na uobičajenim mjestima nismo pronašli nikakve recenzije.

Odabrane stranice

Sadržaj

Ostala izdanja - Prikaži sve

Uobičajeni izrazi i fraze

Popularni odlomci

Stranica 208 - Ora si va con motti e con iscede A predicare, e pur che ben si rida, Gonfia il cappuccio, e più non si richiede.
Stranica 148 - Italia tanto dinanzi ti preparasti! ed oh {stoltissime e vilissime bestiuole che a guisa d'uomini pascete, che presumete* contro a nostra fede parlare : e volete sapere, filando e zappando, ciò che Iddio con tanta prudenza ha ordinato ! Maledetti siate "voi e la vostra presunzione e chi a voi crede!
Stranica 147 - ... concentrating all the affections of his heart on one object, sought no sympathy ; and solemnly tells us of himself, — in contradistinction to those poets of his time who wrote of love from fashion or fancy, not from feeling, — that he wrote as love inspired, and as his heart dictated. " lo mi son un che, quando Amore spira, noto, ed in quel modo Ch'ei detta dentro, vo significando.
Stranica 155 - Avete il vecchio e il nuovo Testamento, E il pastor della Chiesa che vi guida: Questo vi basti a vostro salvamento.
Stranica 155 - Dio, che a un' ora per la tua venuta in Siria suso e qua in Italia tanto dinanzi ti preparasti ! Ed oh istoltissime e vilissime bestiuole che a guisa d' uomini pascete, che presumete contro a nostra fede parlare ; e volete sapere, filando e zappando, ciò che Iddio con tanta prudenza ha ordinato! Maledetti siate voi e la vostra presunzione e chi a voi crede.
Stranica 237 - Ezechiele. • 11 papa è Dio in terra, ed è vicario di Cristo. Ciò è vero, ma Dio e Cristo comandano che si ami il proprio fratello, che si faccia il bene. Adunque se il papa ti comandasse cosa contraria alla carità, e tu la facessi, tu allora vuoi che il papa facci più che non fa Dio.
Stranica 252 - Dimmi ch' io potrò aver ozio talora Di riveder le muse, e con lor sotto Le sacre f rondi ir poetando ancora. Dimmi ch' al Bembo, al Sadoleto , al dotto Giovio, al Cavallo, al Blosio, al Molza, al Vida Potrò ogni giorno e al Tibaldeo far motto: Tor d' essi or uno , e quando un altro guida Pe' i sette colli, che col libro in mano Roma in ogni sua parte mi divida.
Stranica 397 - 1 vizio e la virtute II cor confuso mi travaglia e stanca ; Come chi '1 ciel non vede, Che per ogni sentier si perde, e manca. Porgo la carta bianca A...
Stranica 158 - Iddio ci ha commessi gl'inviolabili e supremi diritti e la cui presenza fu e sarà sempre a loro di tanti beni cagione. Ebbero in antico i nostri comuni il privilegio di governarsi ciascuno con leggi scelte da loro medesimi sotto la sanzione sovrana.
Stranica 227 - ... obbedienza, hanno fatto come fanno i tiranni della città : ammazzano lutti i buoni uomini che temono Dio, o li confinano, o li abbassano che e' non hanno uffizii nella città; e perché non abbiano a pensare a qualche novità, introducono nuove feste e nuovi spettacoli. Questo medesimo è intervenuto alla chiesa di Cristo : primo, essi hanno levato via i buoni uomini, i buoni...

Bibliografski podaci