Le rime del Petrarca, Opseg 2

Naslovnica
Dai torchj di Glauco Masi coi caratteri di F. Didot, 1820 - Broj stranica: 362
0 Recenzije
Recenzije se ne potvrđuju, ali Google provjerava ima li lažnog sadržaja i uklanja ga kad ga otkrije
 

Što ljudi govore - Napišite recenziju

Na uobičajenim mjestima nismo pronašli nikakve recenzije.

Ostala izdanja - Prikaži sve

Uobičajeni izrazi i fraze

Popularni odlomci

Stranica 110 - Donna , i' veggio Nel mover de' vostr' occhi un dolce lume , Che mi mostra la via , eh' al ciel conduce ; E per lungo costume Dentro là , dove sol con Amor seggio , Quasi visibilmente il cor traluce . Quest' è la vista , ch
Stranica 56 - Solo e pensoso i più deserti campi Vo misurando a passi tardi e lenti; E gli occhi porto per fuggire intenti Ove vestigio uman l'arena stampi.
Stranica 195 - ... n più deserto lido, tanto più bella il mio pensier l'adombra.
Stranica 193 - n fra duo poggi siede ombrosa valle , Ivi s'acqueta l'alma sbigottita; E , com' Amor la 'nvita , Or ride, or piagne, or teme, or s'assicura; E 'l volto , che lei segue , ov' ella il mena Si turba , e rasserena , Ed in un esser* picciol tempo dura ; Onde alla vista, uom di tal vita esperto Diria : Questi arde, e di suo stato è incerto...
Stranica 203 - ... ricca e grande, poi che di mal oprar tanto ti giova; nido di tradimenti, in cui si cova quanto mal per lo mondo oggi si spande: de vin serva, di letti e di vivande, in cui lussuria fa l'ultima prova. Per le camere tue fanciulle e vecchi vanno trescando, e Belzebub in mezzo co' mantici e col foco e co li specchi.
Stranica 332 - Nel pensar sempre a lei, gli da pena, di sovvenirsi anche del luogo, dov' ella sta . varcato ho sempre solitaria vita ( Le rive il sanno, e le campagne, ei boschi ) Per fuggir quest' ingegni sordi e loschi , Che la strada del Ciel hanno smarrita : E se mia veglia in ciò fosse compita , Fuor del dolce aere de' paesi toschi Ancor m'avria tra' suoi be' colli foschi Sorga , ch' a pianger e cantar m
Stranica 337 - Con le quai del mortale Carcer nostr' intelletto al ciel si leva: Ma infin a qui niente mi rileva Prego , o sospiro , o lagrimar ch...
Stranica 229 - O fronde, onor de le famose fronti, O sola insegna al gemino valore ; O faticosa vita, o dolce errore, Che mi fate ir cercando piagge e monti ; O bel viso, ov' Amor insieme pose Gli sproni, e '1 fren, ond...
Stranica 273 - Dolci ire, dolci sdegni e dolci paci, Dolce mal, dolce affanno e dolce peso, Dolce parlar e dolcemente inteso, Or di dolce óra, or pien di dolci faci. Alma, non ti lagnar, ma soffri e taci, E tempra il dolce amaro che n' ha offeso , Col dolce onor che d' amar quella hai preso, A cu
Stranica 180 - 1 suo grembo ; Ed ella si sedea Umile in tanta gloria, Coverta già dell'amoroso nembo. Qual fior cadea sul lembo, Qual su le trecce bionde, Ch'oro forbito e perle Eran quel dì a vederle; Qual si posava in terra, e qual su l'onde; Qual con un vago errore Girando, parea dir: Qui regna Amore.

Bibliografski podaci