La divina commedia, Opseg 1

Naslovnica
Fratelli Mattiuzzi, 1823
0 Recenzije
Recenzije se ne potvrđuju, ali Google provjerava ima li lažnog sadržaja i uklanja ga kad ga otkrije
 

Što ljudi govore - Napišite recenziju

Na uobičajenim mjestima nismo pronašli nikakve recenzije.

Odabrane stranice

Ostala izdanja - Prikaži sve

Uobičajeni izrazi i fraze

Popularni odlomci

Stranica 4 - Se vuoi campar d' esto loco selvaggio: Chè questa bestia, per la qual tu gride, Non lascia altrui passar per la sua via, Ma tanto lo impedisce, che l' uccide : Ed ha natura si malvagia e ria, Che mai non empie la bramosa voglia, E dopo il pasto ha più fame che pria. Molti son gli animali, a cui s' ammoglia, E più saranno ancora, infin che il veltro Verrà, che la farà morir con doglia.
Stranica lxxii - Tant' era pien di sonno in su quel punto, Che la verace via abbandonai. Ma poi che fui al piè d' un colle giunto, Là dove terminava quella valle, Che m' avea di paura il cor compunto, Guardai in alto, e vidi le sue spalle Vestite già de' raggi del pianeta, Che mena dritto altrui per ogni calle.
Stranica 16 - Per me si va nella città dolente; per me si va nell' eterno dolore; per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto Fattore; fecemi la divina Potestate, la somma Sapienza e il primo Amore. Dinanzi a me non fur cose create, se non eterne, ed io eterno duro: lasciate ogni speranza, voi eh' entrate." Queste parole di colore oscuro vid' io scritte al sommo d' una porta; per eh' io: "Maestro, il senso lor m
Stranica 16 - Per me si va nell' eterno dolore , Per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore : Fecemi la divina potestate , La somma sapienza e il primo amore. Dinanzi a me non fur cose create, Se non eterne, ed io eterno duro : Lasciate ogni speranza , voi , ch' entrate. Queste parole di colore oscuro Vid' io scritte al sommo d' una porta : Perch' io : Maestro , il senso lor m
Stranica 138 - Quando a' vapori , e quando al caldo suolo. Non altrimenti fan di state i cani , Or col ceffo or col piè , quando son morsi O da pulci o da mosche o da tafani. Poi che nel viso a certi gli occhi porsi , Ne...
Stranica 108 - Per le nuove radici d' esto legno Vi giuro che giammai non ruppi fede Al mio signor, che fu d' onor si degno. E se di voi alcun nel mondo riede, Conforti la memoria mia, che giace Ancor del colpo che invidia le diede. Un poco attese, e poi: Da ch'ci si tace, Disse il Poeta a me, non perder 1' ora; Ma parla, e chiedi a lui, se più ti piace. Ond...
Stranica 86 - Ma quell' altro magnanimo, a cui posta Restato m' era, non mutò aspetto, Nè mosse collo, nè piegò sua costa: E se, continuando al primo detto, Egli han quell' arte, disse, male appresa, Ciò mi tormenta più che questo letto. Ma non cinquanta volte fia raccesa La faccia della donna che qui regge, Che tu saprai quanto quell
Stranica 210 - Quante il villan, ch' al poggio si riposa , Nel tempo che colui, che il mondo schiara, La faccia sua a noi tien meno ascosa , Come la mosca cede alla zanzara , Vede lucciole giù per la vallea , Forse colà dove vendemmia ed ara ; Di tante fiamme tutta risplendea L' ottava bolgia, si com' io m' accorsi, Tosto che fui là 've il fondo parca.
Stranica 124 - Se ben m' accorsi nella vita bella : E s' io non fossi sì per tempo morto, Veggendo il cielo a te così benigno, Dato t' avrei all' opera conforto. Ma quell' ingrato popolo maligno, Che discese di Fiesole ab antico, E tiene ancor del monte e del macigno, Ti si farà, per tuo ben far, nimico: Ed è ragion; chè tra li lazzi sorbi Si disconvien fruttare al dolce fico. * Vecchia fama nel mondo li chiama orbi, Gente avara, invidiosa e superba : Da' lor costumi fa che tu ti forbì.
Stranica 96 - Nota non pure in una sola parte, Come natura lo suo corso prende Dal divino intelletto e da sua arte ; E se tu ben la tua Fisica note , Tu troverai non dopo molte carte , Che l' arte vostra quella , quanto puote , Segue , come il maestro fa il discente , Sì che vostr

Bibliografski podaci