Les troubadours et Pétrarque

Naslovnica
Cosnier et Lachèse, 1857 - Broj stranica: 174
0 Recenzije
Recenzije se ne potvrđuju, ali Google provjerava ima li lažnog sadržaja i uklanja ga kad ga otkrije
 

Što ljudi govore - Napišite recenziju

Na uobičajenim mjestima nismo pronašli nikakve recenzije.

Odabrane stranice

Ostala izdanja - Prikaži sve

Uobičajeni izrazi i fraze

Popularni odlomci

Stranica 129 - Pace non trovo , e non ho da far guerra ; E temo, e spero; ed ardo, e son un ghiaccio ; E volo sopra '1 cielo , e giaccio in terra ; . E nulla stringo, e tutto '1 mondo abbraccio. Tal m' ha in prigion, che non m'apre né serra ; Né per suo mi riten , né scioglie il laccio; E non m...
Stranica 148 - Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono di quei sospiri ond'io nudriva '1 core in sul mio primo giovenile errore, quand'era in parte altr'uom da quel ch'i' sono, del vario stile in ch'io piango e ragiono fra le vane speranze e '1 van dolore, ove sia chi per prova intenda amore, spero trovar pietà, non che perdono.
Stranica 81 - Per ben dolermi, prima ch' allo stremo. Quali nella tristizia di Licurgo Si fer duo figli a riveder la madre, Tal mi fec' io , ma non a tanto insurgo : Quando i' udì nomar se stesso il padre Mio , e degli altri miei miglior, che mai Rime d' amore usar dolci e leggiadre.
Stranica 118 - Gentil mia Donna, i' veggio Nel mover de' vostr' occhi un dolce lume Che mi mostra la via ch' al Ciel conduce; E per lungo costume, Dentro là dove sol con Amor seggio Quasi visibilmente il cor traluce. Quest' è la vista ch
Stranica 48 - Dieu sauve l'ame de mes pères, comme il est vrai que je vis entrer un jongleur de bonne mine, bien vêtu, lequel, après avoir requis convenablement la permission de sir Hugues, nous chanta mainte chanson et nous fabula maint conte. Enfin chacun semblant satisfait de l'entendre; et retournant à ses premiers entretiens, il s'arrêta , demeura quelque temps silencieux, puis s'adressant à sir Hugues : « Seigneur , dit-il , daignez n ouïr les nouvelles que je vous apporte.
Stranica 115 - 1 parlar ch' ogni aspro ingegno e fero Faceva umile ed ogni uom vii, gagliardo ; Ed oimè il dolce riso ond' uscio '1 dardo, Di che morte, altro bene omai non spero: Alma real, dignissima d' impero, Se non fossi fra noi scesa sì tardo.
Stranica 81 - Versi d' amore e prose di romanzi Soverchiò tutti; e lascia dir gli stolti, Che quel di Lemosi credon ch' avanzi. A voce più ch' al ver drizzan li volti, E così ferman sua opinione Prima ch' arte o ragion per lor s
Stranica 84 - Mostrasi sì piacente a chi la mira, Che dà per gli occhi una dolcezza al core, Che intender non la può chi non la prova. E par che della sua labbia si muova Uno spirto soave e pien d' amore , Che va dicendo all'anima: sospira.
Stranica 148 - ... 1 van dolore, ove sia chi per prova intenda amore, spero trovar pietà, non che perdono. Ma ben veggio or sì come al popol tutto favola fui gran tempo, onde sovente di me medesmo meco mi vergogno; e del mio vaneggiar vergogna è '1 frutto, e "1 pentersi, e '1 conoscer chiaramente che quanto piace al mondo è breve sogno.
Stranica 142 - Tempo è ben di morire ed ho tardato più ch'i' non vorrei: madonna è morta ed ha seco il mio core, e volendol seguire interromper conven quest'anni rei ; perché mai veder lei di qua non spero, e l'aspettar m'è noia: poscia ch'ogni mia gioia per lo suo dipartire in pianto è volta, ogni dolcezza de mia vita è tolta.

Bibliografski podaci