Slike stranica
PDF
ePub
[merged small][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][merged small][merged small][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors][merged small][graphic]

39.

[blocks in formation]

v. 5: Que je? Je suis du? v. 10: pare un richiamo al 17b.

Così nel ms.

5

10

52b.

[D]ona gentille belle come 1 oro quy supra

li altre po'te corona come per 1 uniuerso

se razona datime secorso

datime secorso stella que moro

[Q]ue piu non estago in questo plogatoro

transquillata envers de my fortune

[L]asso ia sono di talle martirio

que vivie non posso en una

qui me voy chera luna

per semper seruire quello qu adoro.

La ra quartina è facile ricostruirla ma pel resto non mi ci provo; la lacuna al v. 9 è nel ms. Il Wiese mi accenna la graziosa poesia del Giustiniani [ed. Bologna XXVII]:

O Rosa mia zentile

che dele belle done porti el fiore

Tu porti el vanto, (tu) porti la corona, ecc.

e mi dice che il verso: che sopra le altre porti la corona ricorre spesso con piccole varianti nelle poesie di lui. Questa potrebbe essere la poesia indicata soltanto con: Donna gentil, nel Primo libro de Madrigali ed. Antonio Gardane 1548 [4 voci. Anon.]; ma di poesie comincianti per Donna gentile ce n'erano diverse. V. Eitner a pag. 825, 861.

40.

53b.

pellegrina

o luce chiera stella O sole espechio

so in cuy mie vyta piacy vydy aquesta anima afflicta e topinella che 5 sol per te languisse et me deface.

È citata col

Così nel ms.; per fortuna ci è conservata altrove. primo v. O pellegrina luce o chiara stella nelle Laude ed. 1480, 1512 (D' Ancona p. 434, Alvisi p. 107). Edita dal Morpurgo (Bibliot. popolare del Ferrari, II 118) e lo Zenatti (Riv. crit. lett. ital. II 20) l'attribuisce al Giustiniani. Su ciò il Wiese mi scrive: „non l'ho trovata col suo nome, ma la credo tale anch' io perchè si compone di versi che appartengono a poesie di lui. Si legge anche nel ms. senese I. VII 15; non si trova nelle stampe del 1500, 1506, 1518, sec. XV senz'anno, sec. XVII Trevigi senz'a., Trevigi 1662“.

[merged small][merged small][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][subsumed][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][graphic][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][merged small]
[blocks in formation]
[blocks in formation]

que n est riens que tant luy reviegne

amer et seruir loyalment

5 la vueil touziou[r]s non aultrement

quelque chouse que m en aviegne.

Questa poesia e la precedente con ordine mutat una Agerette di Le Rousselet edita dal Raynaud,

« PrethodnaNastavi »