Opera colle controversie sulla Gerusalemme, Svesci 17-18

Naslovnica
1827
0 Recenzije
Recenzije se ne potvrđuju, ali Google provjerava ima li lažnog sadržaja i uklanja ga kad ga otkrije
 

Što ljudi govore - Napišite recenziju

Na uobičajenim mjestima nismo pronašli nikakve recenzije.

Uobičajeni izrazi i fraze

Popularni odlomci

Stranica 315 - Per più fiate gli occhi ci sospinse Quella lettura, e scolorocci il viso : Ma solo un punto fu quel che ci vinse. Quando leggemmo il disiato riso Esser baciato da cotanto amante, Questi, che mai da me non fia diviso, La bocca mi baciò tutto tremante : Galeotto fu il libro e chi lo scrisse : Quel giorno più non vi leggemmo avante.
Stranica 200 - Deh mira, egli cantò, spuntar la rosa dal verde suo modesta e verginella, che mezzo aperta ancora, e mezzo ascosa, quanto si mostra men, tanto è più bella. Ècco poi nudo il sen già baldanzosa dispiega: ecco poi langue, e non par quella; quella non par, che desiata avanti fu da mille donzelle e mille amanti.
Stranica 201 - Trema la mammoletta verginella con occhi bassi onesta e vergognosa; ma vie più lieta, più ridente e bella ardisce aprire il seno al sol la rosa...
Stranica 299 - E quinci cominciò a distinguer le parti di lei, lodando i capelli, li quali d'oro estimava, la fronte, il naso e la bocca, la gola e le braccia, e sommamente il petto, poco ancora rilevato...
Stranica 316 - Bradamante, non meno ch'alle insegne, alla favella, esser colei che pochi giorni inante avea gittati i tre guerrier di sella, narra che ad un castel poco distante una ria gente e di pietà ribella, oltre all'ingiuria di scorciarle i panni, l'avea battuta e fattol'altri danni.
Stranica 212 - O voi che siete in piccioletta barca, desiderosi d'ascoltar, seguiti dietro al mio legno che cantando varca, tornate a riveder li vostri liti: non vi mettete in pelago, che, forse, perdendo me rimarreste smarriti.
Stranica 238 - ... e qualche volta da sdegni grandissimi, i quali si muovono in me secondo le varie fantasie che mi nascono. Oltra di ciò, sempre dopo il mangiare la testa mi fuma fuor di modo e si riscalda grandemente; ed in tutto ciò ch'io odo vo, per così dire, fingendo con la fantasia alcuna voce umana, di maniera che mi pare assai spesso che parlino le cose inanimate...
Stranica 62 - ... por l'occhio alle seguenti sue medesime testimonianze. Ho ricevuto due buone camicie; l'altre, che debbono esser parimente buone, me le riserbi col saltainbarca e con le calze.... Vorrei ancora un berettino buono da portare il giorno; e se il velluto fosse modenese o reggiano, non mi spiacerebbe, quantunque i genovesi ei ferraresi sian migliori. Ne vorrei un altro per la notte, de' più gentili e belli che si possan ritrovare.
Stranica 238 - Sono alcuni anni ch'io sono infermo, e l'infermità mia non è conosciuta da me; nondimeno io ho certa opinione di essere stato ammaliato. Ma qualunque sia stata la cagione del mio male, gli effetti sono questi: rodimento d'intestino, con un poco di flusso di sangue; tintinni...
Stranica 266 - Com' io divenni allor gelato e fioco, nol dimandar, letter, ch' i' non lo scrivo, pero ch' ogni parlar sarebbe poco. Io non mori', e non rimasi vivo: pensa oggimai per te, s' hai fior d' ingegno, qual io divenni, d' uno e d

Bibliografski podaci